[Guarda] The Orville 3x10 Stagione 3 Episodio 10 Streaming Sub ita In sandbox

[Guarda] The Orville 3x10 Stagione 3 Episodio 10 Streaming Sub ita

The Orville Stagione 3 Episodio 10: Il futuro sconosciuto

Guarda The Orville Stagione 3 Episodio 10

Guardare The Orville Stagione 3 Episodio 10 Sottotitoli

 

Guarda lo streaming o scarica The Orville Stagione 3 Episodio 10 Online Full HD (prova gratuita) qui:

=>   Guarda The Orville Stagione 3 Episodio 10   <=


Riepilogo The Orville Stagione 3 Episodio 10:
A bordo della nave è in corso una festa.

Titolo: The Orville Stagione 3 Episodio 10
Titolo episodio: Futuro sconosciuto
Durata: 00:42:48 minuti
Genere: drammatico, commedia, fantascienza e fantasy
Attori: Seth MacFarlane, Adrianne Palicki, Penny Johnson, Scott Grimes, Peter Macon, Jessica Szohr, J. Lee, Mark Jackson, Anne Winters
Rete: VOLPE, Hulu

Guarda serie TV e film è QUI!
Non perdere gli ultimi film o prendi il tuo genere preferito sul nostro sito!
Trova programma TV e film con l'ultimo e il più recente episodio!
Cerca, scopri e guarda il tuo preferito!
Accesso illimitato a migliaia di film e video in qualità HD con nuovi contenuti aggiunti ogni giorno. Crea il tuo account gratuito e prova video premium a figura intera. PROVALO ORA GRATUITAMENTE.

 

The Orville è una serie televisiva commedia drammatica di fantascienza americana creata e interpretata da Seth MacFarlane nel ruolo del protagonista della serie Ed Mercer, un ufficiale della linea di navi spaziali esplorative della Planetary Union nel 25° secolo. Lo spettacolo è ispirato principalmente dall'originale Star Trek e dal suo successore Next Generation, entrambi i quali parodia pesantemente e a cui rende omaggio. Segue l'equipaggio dell'astronave USS Orville nelle loro avventure a episodi.

Prodotto da Fuzzy Door Productions e 20th Television, The Orville è stato presentato in anteprima il 10 settembre 2017 ed è andato in onda per due stagioni su Fox (sebbene fosse ancora in onda su Hulu il giorno dopo l'uscita di ogni episodio). Una terza stagione è iniziata su Hulu il 2 giugno 2022, sottotitolata The Orville: New Horizons. La prima stagione ha ricevuto recensioni generalmente negative dalla critica, mentre la seconda è stata accolta meglio. Lo spettacolo ha avuto valutazioni relativamente di successo su Fox, diventando lo spettacolo del giovedì più apprezzato dall'emittente e il "dramma di debutto più visto" della Fox dal 2015.

L'Orville è ambientato sulla navicella spaziale titolare: la USS Orville (ECV-197), una nave esplorativa di medio livello nell'Unione Planetaria, un'alleanza interstellare del 25° secolo tra la Terra e molti altri pianeti. Lo spettacolo consiste in avventure incontrate dall'equipaggio della nave, che di solito coinvolgono l'esplorazione del pianeta e visite a varie parti della galassia.

MacFarlane ha originariamente scritto The Orville come una sceneggiatura specifica, a cui è stato assegnato un ordine di 13 episodi dalla Fox nel maggio 2016, rendendola la prima serie televisiva live-action creata da MacFarlane. Dopo il via libera del progetto, MacFarlane ha dichiarato: "Volevo fare qualcosa del genere sin da quando ero un bambino, e finalmente il tempismo sembra giusto. Penso che sarà qualcosa di speciale". Secondo MacFarlane, The Orville è stato ispirato da The Twilight Zone e Star Trek. È stato anche incoraggiato a vendere la serie grazie al successo di Guardiani della Galassia e Deadpool.

Nel novembre 2017, Fox ha rinnovato la serie per una seconda stagione. "Primal Urges", uno dei tredici episodi della prima stagione, si è tenuto per la seconda stagione a causa di un divario nelle date di trasmissione causato dalla lunga programmazione natalizia dell'emittente.

Nel dicembre 2018, è stato riferito che la California Film Commission aveva approvato $ 15,8 milioni di crediti d'imposta per una potenziale terza stagione.

Nel luglio 2016, il ruolo di MacFarlane si è rivelato essere Ed Mercer, il capitano dell'Orville, mentre Adrianne Palicki era stato scelto per interpretare Kelly Grayson, l'ex moglie di Ed e primo ufficiale dell'Orville appena nominato, e Scott Grimes (che doppia Steve Smith in American Dad!, un altro spettacolo creato da MacFarlane) è stato scelto per interpretare Gordon Malloy, il migliore amico di Ed che ha incaricato di pilotare l'Orville. Ad agosto Peter Macon e J Lee sono stati scelti come personaggi abituali della serie. In ottobre Halston Sage e Penny Johnson Jerald si sono uniti al cast mentre Mark Jackson è stato aggiunto a dicembre. Nell'aprile 2017, Chad L. Coleman è stato aggiunto come personaggio regolare della serie e Larry Joe Campbell in un ruolo ricorrente.

Al Comic-Con di San Diego nel luglio 2017, MacFarlane ha detto che Charlize Theron sarebbe stata la guest star in un episodio. I due avevano già recitato in A Million Ways to Die in the West. Theron è apparso nel quinto episodio della serie "Pria".

Nel febbraio 2018, Jessica Szohr è stata scelta per la seconda stagione e Chris Johnson per un ruolo ricorrente. Nel novembre 2019, Anne Winters è stata scelta come protagonista regolare per la terza stagione.

Nell'agosto 2016, l'attore e regista Jon Favreau ha firmato per dirigere il pilot. La produzione dell'episodio pilota è iniziata alla fine del 2016 e le riprese del resto degli episodi sono iniziate a marzo 2017. La produzione è terminata ad agosto, con un totale di $ 56,2 milioni spesi in California. I veterani di Star Trek Jonathan Frakes e Robert Duncan McNeill, che hanno diretto episodi all'interno del franchise di Star Trek, hanno diretto ciascuno un episodio di The Orville. Quattro episodi sono stati diretti da Brannon Braga, un ex di Star Trek che ha iniziato come stagista in Star Trek: The Next Generation, è stato il produttore di Star Trek: Voyager e ha co-creato Star Trek: Enterprise.

Le riprese della seconda stagione sono iniziate a febbraio 2018 e Frakes e McNeill sono tornati ciascuno per dirigere un altro episodio. La produzione della seconda stagione si è conclusa nell'ottobre 2018, dopo aver speso 69,2 milioni di dollari.

Le riprese della terza stagione sono iniziate nell'ottobre 2019, ma sono state interrotte a causa della pandemia di COVID-19 e alla fine sono state completate nell'agosto 2021. MacFarlane e Jon Cassar sono gli unici registi della terza stagione.

Gli studi assunti per lavorare agli effetti visivi dello spettacolo includono Tippett Studio, CoSA VFX, Pixomondo, Crafty Apes, FuseFX, Eight VFX e Zoic Studios.

 

Uno spettacolo televisivo, o semplicemente un programma televisivo, è qualsiasi contenuto prodotto per la visualizzazione su un apparecchio televisivo che può essere trasmesso via etere, satellitare o via cavo, escluse le ultime notizie, gli annunci pubblicitari o i trailer che vengono generalmente inseriti tra gli spettacoli. Gli spettacoli televisivi sono spesso programmati per la trasmissione con largo anticipo e appaiono su guide elettroniche o altri elenchi TV, ma i servizi di streaming spesso li rendono disponibili per la visione in qualsiasi momento. Il contenuto di uno spettacolo televisivo può essere prodotto con metodologie diverse come spettacoli di varietà registrati provenienti da uno studio televisivo, animazione o una varietà di produzioni cinematografiche che vanno dai film alle serie. Gli spettacoli non prodotti su un palcoscenico di studi televisivi sono generalmente contratti o concessi in licenza per essere realizzati da società di produzione appropriate.

Gli spettacoli televisivi possono essere visualizzati in tempo reale (in tempo reale), essere registrati su home video, un videoregistratore digitale per una visione successiva, essere visualizzati su richiesta tramite un set-top box o trasmessi in streaming su Internet.

Un programma televisivo è anche chiamato programma televisivo (inglese britannico: programma), soprattutto se manca di una struttura narrativa.

Negli Stati Uniti e in Canada, una serie televisiva viene solitamente pubblicata in episodi che seguono una narrazione e sono solitamente divisi in stagioni. Nel Regno Unito, una serie televisiva è un insieme annuale o semestrale di nuovi episodi. (In effetti, una "serie" nel Regno Unito è la stessa di una "stagione" negli Stati Uniti e in Canada.)

Una piccola raccolta di episodi può anche essere definita una serie limitata o una miniserie. Una raccolta di episodi una tantum può essere definita "'speciale TV"' o serie limitata. Un film (noto anche come film) per la televisione viene inizialmente trasmesso come tale piuttosto che direct-to-video o sul tradizionale grande schermo.

I primi programmi televisivi erano trasmissioni sperimentali e sporadiche visibili solo a brevissimo raggio dalla torre di trasmissione a partire dagli anni '30. Eventi televisivi come le Olimpiadi estive del 1936 in Germania, l'incoronazione del re Giorgio VI nel 1937 nel Regno Unito e la famosa introduzione di David Sarnoff alla Fiera mondiale di New York del 1939 negli Stati Uniti hanno stimolato una crescita nel mezzo, ma la seconda guerra mondiale ha messo un arresto dello sviluppo fino al dopoguerra. La World Series del 1947 ispirò molti americani ad acquistare il loro primo televisore e poi, nel 1948, il popolare programma radiofonico Texaco Star Theatre fece la mossa e divenne il primo spettacolo di varietà televisivo settimanale, guadagnando al conduttore Milton Berle il nome di "Mr Television" e dimostrando che il mezzo era una forma di intrattenimento stabile e moderna che poteva attirare gli inserzionisti. La prima trasmissione televisiva nazionale in diretta negli Stati Uniti ebbe luogo il 4 settembre 1951 quando il discorso del presidente Harry Truman alla Conferenza del Trattato di pace giapponese a San Francisco fu trasmesso tramite il cavo transcontinentale di AT&T e il sistema di trasmissione a microonde alle stazioni di trasmissione nei mercati locali.

La prima trasmissione nazionale a colori (il Tournament of Roses Parade del 1954) negli Stati Uniti avvenne il 1 gennaio 1954. Durante i dieci anni successivi la maggior parte delle trasmissioni di rete, e quasi tutta la programmazione locale, continuarono ad essere in bianco e nero. Fu annunciata una transizione cromatica per l'autunno del 1965, durante la quale oltre la metà di tutta la programmazione della rete in prima serata sarebbe stata trasmessa a colori. La prima stagione di prime time a colori è arrivata solo un anno dopo. Nel 1972, l'ultima resistenza tra gli spettacoli di rete diurni convertiti a colori, risultando nella prima stagione di rete completamente a colori.

Gli spettacoli televisivi sono più vari rispetto alla maggior parte delle altre forme di media a causa dell'ampia varietà di formati e generi che possono essere presentati. Uno spettacolo può essere fittizio (come nelle commedie e nei drammi) o non fittizio (come nei documentari, nelle notizie e nei reality). Può essere di attualità (come nel caso di un telegiornale locale e di alcuni film per la televisione), o storico (come nel caso di molti documentari e serie di fiction). Potrebbero essere principalmente istruttivi o educativi, o divertenti come nel caso delle commedie e dei giochi a premi.

Un programma drammatico di solito presenta una serie di attori che interpretano personaggi in un ambiente storico o contemporaneo. Il programma segue le loro vite e le loro avventure. Prima degli anni '80, gli spettacoli (ad eccezione dei serial tipo soap opera) in genere rimanevano statici senza archi narrativi, e i personaggi principali e la premessa cambiavano poco. annullato alla fine. Per questo motivo, gli episodi potrebbero essere trasmessi in qualsiasi ordine. Dagli anni '80, molte serie presentano cambiamenti progressivi nella trama, nei personaggi o in entrambi. Ad esempio, Hill Street Blues e St. Elsewhere sono state due delle prime serie televisive drammatiche americane in prima serata ad avere questo tipo di struttura drammatica, mentre la serie successiva Babylon 5 esemplifica ulteriormente tale struttura in quanto aveva una storia predeterminata che scorreva sul suo previsto corsa di cinque stagioni.

Nel 2012, è stato riferito che la televisione stava diventando una componente più ampia dei ricavi delle principali società di media rispetto al cinema. Alcuni hanno anche notato l'aumento della qualità di alcuni programmi televisivi. Nel 2012, il regista premio Oscar Steven Soderbergh, commentando l'ambiguità e la complessità del personaggio e della narrazione, ha dichiarato: "Penso che queste qualità vengano ora viste in televisione e che le persone che vogliono vedere storie che hanno quel tipo di qualità sono guardando la televisione."

La maggior parte delle reti televisive di tutto il mondo sono "commerciali", dipendenti dalla vendita di tempo pubblicitario o dall'acquisizione di sponsor. La principale preoccupazione dei dirigenti delle trasmissioni sulla loro programmazione è la dimensione del pubblico. In passato, il numero di stazioni "in chiaro" era limitato dalla disponibilità delle frequenze dei canali, ma la tecnologia della TV via cavo (al di fuori degli Stati Uniti, televisione satellitare) ha consentito un'espansione del numero di canali a disposizione dei telespettatori (a volte a tariffe premium) in un ambiente molto più competitivo.

Negli Stati Uniti, la produzione di una serie televisiva media costa $ 3 milioni a episodio, mentre la produzione di fiction via cavo costa in media $ 2 milioni. L'episodio pilota potrebbe essere più costoso di un episodio normale. Nel 2004, il pilota di due ore di Lost è costato da $ 10 a $ 14 milioni, nel 2008 il pilota di due ore di Fringe è costato $ 10 milioni e nel 2010 Boardwalk Empire è stato di $ 18 milioni per il primo episodio. Nel 2011, Game of Thrones è costato da $ 5 a $ 10 milioni, Pan Am è costato circa $ 10 milioni, mentre il pilota di due ore di Terra Nova era compreso tra $ 10 e $ 20 milioni.

Molti programmi televisivi di rete sceneggiati negli Stati Uniti sono finanziati attraverso il finanziamento del deficit: uno studio finanzia il costo di produzione di uno spettacolo e una rete paga un canone allo studio per il diritto di mandare in onda lo spettacolo. Questo canone non copre i costi di produzione dello spettacolo, portando al deficit. Sebbene lo studio non recuperi i suoi soldi nella messa in onda originale dello spettacolo, mantiene la proprietà dello spettacolo. Ciò consente allo studio di recuperare i propri soldi e guadagnare attraverso la sindacazione e la vendita di DVD e Blu-ray. Questo sistema pone la maggior parte del rischio finanziario sugli studi; tuttavia, uno spettacolo di successo nei mercati di syndication e home video può più che compensare le mancate. Sebbene il finanziamento del deficit ponga un rischio finanziario minimo sulle reti, perdono i profitti futuri dei grandi successi poiché stanno solo concedendo in licenza gli spettacoli.

I costi vengono recuperati principalmente dai ricavi pubblicitari per le reti di trasmissione e alcuni canali via cavo, mentre altri canali via cavo dipendono dagli abbonamenti. In generale, gli inserzionisti, e di conseguenza le reti che dipendono dalla pubblicità, sono più interessati al numero di spettatori nella fascia di età 18-49 anni che al numero totale di spettatori. Gli inserzionisti sono disposti a pagare di più per fare pubblicità su programmi di successo con i giovani adulti perché guardano meno la televisione e sono più difficili da raggiungere. Secondo Advertising Age, durante la stagione 2007-08, Grey's Anatomy è stato in grado di addebitare $ 419.000 per spot, rispetto ai soli $ 248.000 per uno spot durante CSI, nonostante CSI abbia in media quasi cinque milioni di spettatori in più. Grazie alla sua forza con gli spettatori più giovani, Friends è stata in grado di far pagare per uno spot quasi tre volte tanto quanto Murder, She Wrote, anche se le due serie avevano un numero totale di spettatori simile in quel momento. Glee e The Office hanno attirato meno spettatori totali di NCIS durante la stagione 2009-10, ma hanno guadagnato una media di $ 272.694 e $ 213.617 rispettivamente, rispetto a $ 150.708 per NCIS.

Dopo la produzione, lo spettacolo viene consegnato alla rete televisiva, che lo invia alle sue emittenti affiliate, che lo trasmettono nella fascia oraria di programmazione della trasmissione specificata. Se le valutazioni Nielsen sono buone, lo spettacolo viene mantenuto in vita il più a lungo possibile. In caso contrario, lo spettacolo viene solitamente annullato. I creatori dello spettacolo vengono quindi lasciati a guardare gli episodi rimanenti e la possibilità di episodi futuri su altre reti. Nelle serie particolarmente di successo, i produttori a volte interrompono una serie da soli come Seinfeld, The Cosby Show, Corner Gas e M*A*S*H e la concludono con un episodio conclusivo, che a volte è un grande finale di serie .

In rare occasioni, una serie che non ha ottenuto ascolti particolarmente alti ed è stata cancellata può ricevere una tregua se il pubblico di home video è stato particolarmente forte. Questo è successo nei casi di Family Guy negli Stati Uniti e Peep Show nel Regno Unito.

Negli Stati Uniti, se lo spettacolo è popolare o redditizio e sono stati realizzati un numero minimo di episodi (di solito 100), può essere trasmesso in syndication, dove i diritti per trasmettere il programma vengono poi rivenduti in contanti o scambiati scambio (offerto a un punto vendita gratuitamente in cambio della messa in onda di spot pubblicitari aggiuntivi altrove nel giorno di trasmissione della stazione).

Mentre gli ordini di rete per stagioni da 13 o 22 episodi sono ancora pervasivi nel settore televisivo, diversi programmi si sono discostati da questa tendenza tradizionale. Scritti per essere chiusi e di lunghezza inferiore rispetto ad altri spettacoli, sono commercializzati con una varietà di termini.

Miniserie: una serie molto breve e chiusa, tipicamente sei o più ore in due o più parti (notti), simile a un lungo film per la televisione. Molte delle prime miniserie erano adattamenti di romanzi popolari dell'epoca, come The National Dream (1974), Roots (1977) e North and South (1985). Negli ultimi anni, come descritto da diversi dirigenti televisivi intervistati da The Hollywood Reporter, il termine miniserie è cresciuto fino ad avere connotazioni negative all'interno del settore, essendo stato associato a opere melodrammache comunemente prodotte sotto il formato, mentre serie limitate o eventi serie ricevono maggiore rispetto.

Serie limitate: distinte dalle miniserie in quanto si ritiene che la produzione abbia il potenziale per essere rinnovata, ma senza l'obbligo di avere tanti episodi quanto un tipico ordine per stagione. Under the Dome, Killer Women e Luther furono commercializzate come serie limitate. Le singole storie stagionali di serie antologiche come American Horror Story, Fargo e True Detective sono anche descritte come "serie limitate". I Primetime Emmy hanno dovuto apportare numerose modifiche alla loro categoria di miniserie/serie limitate per accogliere antologia e altre serie limitate.
Serie di eventi: ampiamente considerato un termine di marketing, che rientra nella categoria generale della televisione di eventi. Il termine può essere applicato a quasi tutte le nuove serie a breve termine, come 24: Live Another Day. È stato anche usato per descrivere programmi di gioco come The Million Second Quiz che è andato in onda per sole due settimane.

 

#TheOrville

In case you have found a mistake in the text, please send a message to the author by selecting the mistake and pressing Ctrl-Enter.

Comments (0)

    No comments yet

You must be logged in to comment.

Sign In / Sign Up